db Bibliografia del socialismo e del movimento operaio italiano - Periodici

Résultat de la recherche

Avvenire. Settimanale della Federazione giovanile del Partito socialista italiano di unità proletaria, poi Settimanale della Federazione giovanile socialista comasca.

note: Como (s. t.); settimanale; cm 42 x 29, poi 50 x 35; pp. 2, coll. 4 e 5.

responsable: Direttori: Gianni Saracco, Edoardo Pozzi.

coherence: I, n. 1 (25 agosto 1945) - a. I, n. 10 (5 novembre 1945). Col n. 4, a. I (15 settembre 1945) assume il secondo sottotitolo.

collocation: Gi. II. 2311

reference: 227

L’Avvenire. Settimanale del Fronte della gioventù di Cremona, poi Settimanale indipendente di attualità.

note: Cremona (Tip. Cremona Nuova); settimanale; cm 57 x 42; pp. 2, coll. 8, illustrato.

responsable: Direttore: Francesco Guzzini; redattore capo: Fiorino Soldi.

coherence: a. I, n. 6 (10 settembre 1945) - a. II, n. 42 (20 ottobre 1946). Col n. 40, a. II (6 ottobre 1946) assume il secondo sottotitolo.

notes contenu: Organo della Gioventù comunista aderente alla III Internazionale giovanile comunista.

collocation: Le annate sono scomplete. - Ge. III. 1420

reference: 228

L’Avvenire. Periodico socialista empolese.

note: Empoli (Tip. G. Priori); settimanale; cm 39 x 27; pp. 4, coll. 3.

responsable: Direttore: Osvaldo Priori.

coherence: a. I, n. 1 (12 gennaio 1896) - a. I, n. 2 (19 gennaio 1896).

collocation: GF. B. 63. 25

reference: 229

L’Avvenire. Periodico settimanale. Organo detta Sezione di Fermo del Partito socialista italiano, poi Periodico settimanale socialista.

note: Fermo (Tip. Paccasassi); settimanale; cm 43 x 32, poi 48 x 33; pp. 4, coll. 3

responsable: Direttore: Luigi Comini.

coherence: a. I, n. 1 (8 agosto 1897) - a. II, n. 20 (15 maggio 1898). Col n. 14, a. I (7 novembre 1897) assume il secondo sottotitolo.

collocation: Le annate sono scomplete. - Gi. II. 1694

reference: 230

L’Avvenire. Periodico settimanale socialista.

note: Fermo (Tip. Paccasassi); settimanale; cm 43 x 32; pp. 4, coll. 3.

responsable: Direttore: Giulio Del Papa.

coherence: a. I, n. 1 (15 agosto 1901) - a. I, n. 8 (12 ottobre 1901).

collocation: GF. B. 78. 38

reference: 231

L’Avvenire.

note: Firenze (Tip. Nazionale); quotidiano; cm 42 x 32; pp. 4, coll. 4.

responsable: Gerente resp. : Gaetano Gambinossi.

coherence: a. I, n. 1 (16 aprile 1865) - a. I, n. 219 (28 novembre 1865).

notes contenu: Giornale democratico costituzionale, il quale, come in genere i giornali di opposizione al Governo, si dimostra sollecito per le classi lavoratrici. È dichiaratamente avverso alla rigida politica finanziaria del ministro Sella, specialmente alle leggi fiscali, come quella del macinato « che si rovescia sulle classi meno favorite dalla fortuna, le quali non si innalzano nell'ordine intellettuale e morale che in ragione del miglioramento delle loro condizioni materiali e non si potrebbe privarle di alcuna porzione del frutto del loro lavoro, che esse hanno diritto di conservare, senza sottoporle al giogo dell'indigenza ». Se pure scarsamente interessato alle questioni sociali e per quanto espressione della sinistra parlamentare, pubblica i comunicati dell'Internazionale con manifesta simpatia per questo movimento che turba l'opera di quel Governo, che il giornale si propone di combattere, mantenendosi in costante polemica con « La Nazione » di Firenze, organo dei moderati e della destra al potere.

collocation: Gi. I. 483

reference: 232

L’Avvenire. Giornale popolare politico-letterario. Organo della Società italiana per gli interessi nazionali. Presidente Giuseppe Garibaldi.

note: Firenze (Tip. Orfeo); bisettimanale; cm 45 x 33; pp. 4, coll. 3.

responsable: Gerente resp. : Candido Filipponi.

coherence: a. II, n. 1 (28 marzo 1875). Precedentemente al n. 1, a. II (28 marzo 1875) il periodico è uscito col titolo : « La Speranza », ma tale serie non è posseduta dalla Biblioteca Nazionale di Firenze. Esiste soltanto il numero segnalato.

notes contenu: Si propone di destare gli italiani « al senso del dovere e del diritto, alla tutela della libertà, che assicura il progresso di un popolo sulle vie dell'incivilimento ».

collocation: Gi. II. 1215

reference: 233

L’Avvenire. Giornale mensile. Pubblicazione ufficiale per la Cooperativa cattolica di consumo e per i Circoli cattolici.

note: Genova (Tip. Papini); mensile; cm 42 x 30; pp. 4, coll. 3.

responsable: Direttore: Lorenzo Ricci; gerente resp.: Giuseppe Passalacqua.

coherence: a. III, n. 1 (1° maggio 1900). Esiste soltanto il numero segnalato.

collocation: GF. B. 68. 17

reference: 234

L'Avvenire. — Settimanale del popolo.

note: Genova (Tip. Peyre); settimanale; cm 50 x 34, poi 56 x 39; pp. 4, coll. 4, poi 5.

responsable: Direttore: Luigi De Marchi; collaboratori: G. Semeria, Luigi Sturzo, Romolo Murri, Roberto Franchi, Attilio Galligaris, Mario Tortonese, Clemente Barbieri, Luigi Paoletti, Ettore Poggipollini, Giuliano Neretti, Alessandro Cantano, Ezio Nulli, Mario Ramelli, E. Cromi, Filippo Crispolti, Antonio Fogazzaro, Ugo Dalla Chiesa, Mario Calderoni, Filippo Meda.

coherence: a. I, n. 1 (1° maggio 1905) - a. II, n. 55 (20 maggio 1906). Successivamente al n. 55, a. II (20 maggio 1906) il periodico è uscito col titolo « L'Avvenire del popolo ».

notes contenu: In un artìcolo redazionale si dichiara che « il giornale è e sarà il giornale di tutti i democratici cristiani liguri, volenterosi di lavorare con noi per l'attuazione dell'indirizzo di difesa degli interessi operai ». Don R. Murri sostiene l'inopportunità di spostare la festa del lavoro al 15 maggio, per i lavoratori cristiani, « perché non sarebbe né bello né pratico fare del 15 maggio un rivale del 1° maggio, un simbolo di disunione e di rivalità ». Tratta la questione dell'Ufficio nazionale del lavoro creato con la legge del 9 giugno 1902, che esclude la rappresentanza dei democratici cristiani dal Consiglio del lavoro, e riferisce sui lavori del Congresso dell'Associazione per la protezione legale dei lavoratori. Don R. Murri indirizza dalle colonne del giornale una lettera a F. Turati, per invitarlo ad un accordo fra democratici cristiani di sinistra, radicali e socialisti, facendo leva - contro la pregiudiziale cattolica, che sembra impedire la necessaria intesa — sugli stessi criteri di serietà e onestà, che consentirono in determinate circostanze di stringere accordi fra socialisti, liberali, repubblicani e radicali. È in costante polemica con gli organi delle correnti cattoliche reazionarie e clericali. Tratta ampiamente la questione sociale, ispirandosi ai princìpi tracciati nell'enciclica Rerum novarum. Essendosi i democratici cristiani, in alcuni casi, ribellati alla disciplina imposta dalle supreme gerarchie della Chiesa, ed essendosi « L'Avvenire » (espressione delle correnti catto­liche di sinistra) rifiutato di modificare il suo orientamento politico, l'Arcivescovo di Genova lancia contro di esso un decreto di scomunica. Nel fascicolo del 4 aprile 1906 vengono attaccati violentemente la « reazione clericale » e il legittimismo dei cattolici francesi. Il padre Semeria esalta in un articolo « gli ideali incontaminati della democrazia cristiana, a cui si affida la redenzione delle classi lavoratrici e dei diseredati ». Pubblica la statistica delle istituzioni economiche e sociali cattoliche e il resoconto del primo Congresso della Lega democratica nazionale (15-18 settembre 1906). Discute la municipalizzazione dei servizi pubblici, che è fra i postulati della Lega democratica cattolica.

collocation: Ge. III. 1195

reference: 235 a

L'Avvenire del popolo.

note: Genova (Tip. Peyre); settimanale; cm 50 x 35; pp. 4, coll. 4.

responsable: Direttore resp. : Cesare Profumo.

coherence: a. II, n. 56 (3 giugno 1906) - a. II, n. 71 (30 settembre 1906). Precedentemente al n. 56, a. II (3 giugno 1906) il periodico è uscito col tìtolo « L'Avvenire ».

notes contenu: Il periodico continua l'opera di propaganda secondo l'indirizzo comune impresso da don R. Munì alle organizzazioni sindacali cristiane. Pubblica scritti sul voto alle donne, sul riposo festivo e sulla celebrazione della festa del lavoro, spostata al 15 maggio. Annunzia la candidatura di don R. Murri a Imola, contro il socialista A. Costa. Pubblica uno scritto di don L. Sturzo sulla cessata rivista del Murri : « La Cultura sociale », nel quale lo Sturzo esprime il suo rammarico per le condizioni difficili in cui il Murri è venuto a trovarsi, per i suoi contrasti con le autorità ecclesiastiche, che non gli consentono più di lavorare per la causa comune, e deplora di veder privata la corrente cattolica democratica della mente direttiva di uno dei suoi figli migliori.

collocation: Ge. III. 1195

reference: 235 b

L’Avvenire. Settimanale della Sezione socialista di Lodi. (Supplemento de «II Proletario»), poi Quindicinale della Sezione socialista di Lodi. (Supplemento de «Il Proletario»).

note: Lodi (Milano; Unione Tip.); settimanale; cm 50 x 34; pp. 4, coll. 6, illustrato.

responsable: Direttore resp.: Giovanni Luzzi; comitato di redazione: Biondi, Fontana, Locatelli, Pini, Gallardo.

coherence: a. I, n. 7 (3 novembre 1946) - a. I, n. 13 (15 dicembre 1946). Col n. 9, a. I (17 novembre 1946) assume il secondo sottotitolo.

collocation: Gi. II. 3294

reference: 236

L'Avvenire. — Settimanale della Federazione provinciale milanese del Partito socialista italiano. Edizione de «Il Proletario » per la zona di Lodi e Codogno.

note: Milano (Unione Tip.); settimanale; cm 50 x 34; pp. 4, coll. 5, illustrato.

responsable: Direttore: Giovanni Luzzi.

coherence: a. I, n. 1 (1° giugno 1947) - a. I, n. 4 (22 giugno 1947). Successivamente al n. 4, a. I (22 giugno 1947). il periodico è uscito col titolo « L'Avvenire socialista »

collocation: Ge. III. 2358

reference: 237 a

L'Avvenire socialista. — Settimanale della Federazione provinciale milanese del Partito socialista italiano. Edizione de «II Proletario » per la zona di Lodi e Codogno.

note: Milano (Unione Tip.); settimanale; cm 50 x 34; pp. 4, coll. 5, illustrato.

responsable: Direttore: Giovanni Luzzi.

coherence: a. I, n. 5 (29 giugno 1947) a. I n. 7(13 luglio 1947). Precedentemente al n. 5, a. I (29 giugno 1947) il periodico è uscito col titolo « L'Avvenire »

collocation: Ge. III. 2358

reference: 237 b

L’Avvenire Giustizia, verità, morale.

note: Modena (Tip. e Litografia Cappelli); bisettimanale, poi settimanale; cm. 40 x 29, poi 50 x 33; pp. 4, coll. 3, poi 4.

responsable: Direttore: Arturo Ceretti; gerente resp.: Giacomo Morselli.

coherence: a. I, n. 3 (18 maggio 1878) - a. I, n. 13 (27 luglio 1878). Motto : « Nessun dovere senza diritto, nessun diritto senza dovere ». Esiste anche la seconda edizione del n. 3, con la prima pagina completamente censurata.

notes contenu: Pubblica in esteso (n. 3, a. I, 18 maggio 1878) il resoconto del processo al tribunale correzionale di Parigi contro Andrea Costa ed Ippolito Pedoussant, condannati rispettivamente a due anni e un anno di carcere. Circa le vicende che portarono all'arresto di Andrea Costa, di Anna Kuliscioff, del Nabruzzi, di Tito Zanardelli e altri, il Costa narra diffusamente in una sua lettera pubblicata nel n. 9, a. I del 29 giugno 1878, nella quale, oltre a riferire le dichiarazioni di fede socialista da lui fatte davanti ai giudici, prega gli amici di « rinunziare alla raccolta dei fondi iniziata a suo favore », fondi che il Costa consiglia di destinare a scopi più necessari di propaganda. Il periodico inizia poi la sottoscrizione per la raccolta dei fondi necessari alle spese di giudizio del processo contro gli internazionalisti della insurrezione nel Beneventano. Pubblica la lettera di Carlo Pisacane agli Italiani scritta alla vigilia della infausta impresa di Sapri, nella quale conferma la sua fede nell'avvenire dell'umanità e « la certezza di avere con sé l'affetto e le miserie della nazione italiana » (n. 5, a. I [1° giugno 1878]). Nel numero successivo (n. 6, a. I [6 giugno 1878]) rivendica al Pisacane la priorità nella esposizione dei princìpi socialisti in Italia, senza disconoscere tuttavia il contributo recato alle fortune del movimento socialista dalla propaganda di Michele Bakunin. Esclude che la repubblica possa risolvere la questione sociale: « la questione economica non potrà essere realizzata se non con la rivoluzione anarchica e collettivista ». Pubblica i comunicati della Sezione fiorentina dell'Associazione internazionale e i risultati del IV Congresso regionale della Inter­nazionale tenuto clandestinamente a Pisa nell'aprile 1878 (n. 3, a. I [20 maggio 1878], 2a ed.). Il giornale è organo della corrente socialista anarchica e antiautoritaria.

collocation: La serie è scompleta. - GF. C. 3. 2

reference: 238

L’Avvenire

note: Modica. Vedi : «II Germe » (Modica).

reference: 239